ciao Amy

ho aspettato qualche giorno a scrivere questo pezzo (messo prima come beta-test sul forum di videohifi.com) per avere una visione chiara di cosa succede quando una persona/personaggio così in vista lascia le scene con clamore, questo è quello che è venuto fuori, anche in risposta a chi va a dire che amy winehouse faceva musica pop…

Nell’ordine, partiamo dalla musica (non la voce, proprio la musica)
cazzarola, ma back to black lo suonano i dap-kings, ma che scherziamo?! sono, e lo sono tutto ora, una grandissima band di soul, hanno un tiro che sembrano dinamite, sin da quando suonavano con sharon jones, che spero sappiate anche chi è e cosa fa…pop un paio di palle, quella è una grande band SOUL, che sembra di sentire la band di otis redding, e non esagero.
Poi che un disco soul sia finito agli onori della cronaca per i costumi di amy, questo fa parte del sistema showbiz anglosassone modello tritacarne, il caso news of the world parla già da solo no?

Il pop io lo indendo come un’altra cosa, chessò gli air fanno pop, anche gradevole, ma non siamo proprio da quelle parti no?
Passiamo all’artista: un artista (e lei lo era, chissà cosa pensavano i signorotti all’epoca – che qui su videohifi.com nessuno ha 20 anni, o sbaglio?-  a vedere hendrix che scopava con la chitarra…proviamo ad esser onesti) non si giudica per la sua vita privata, la si accetta per come è, punto, anzi non dovrebbe nemmeno interessare, parla la sua arte e fine, ogni tentativo di spiegare o giustificare l’arte stessa ne vanifica l’essenza.

finiamo con la persona: ho la fortuna di avere un caro amico che ha avuto modo di conoscerla un minimo, soprattutto al di fuori dell’ufficialità (epoca dell’album frank, diciamo) e mi racconta di aver all’inizio provato quasi fastidio per la sua presenza, per poi scoprire essere una persona eccezionale, sensibile e fragile come spesso contraddistingue coloro che sono sopraffatti dal loro stesso talento.

è andata così, cosa si prova? nulla di particolare infondo, spiace solo perchè forse ci avrebbe regaalto qualche disco migliore ancora di back, e ancor peggio perchè quando ci inonderanno di dischi postumi ci resterà sempre quel fottuto dubbio:”ma sarebbe satato così quello che lei voleva che noi ascoltassimo”?
ecco, tutto qui.

Lascia un commento

Archiviato in musica

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...