La #gravel race più bella e faticosa dell’anno rinnova la sua magia: #LodiLeccoLodi 2015

Anche se è un po’ una frase fatta, sono convinto che questa gara, nonostante sia solo alla terza edizione, si possa ormai annoverare tra le grandi classiche del panorama ciclistico-alternativo italiano e direi quasi europeo.

ll7

La giornata promette subito bene, ho avuto modo di dormire a casa di Andrea a Milano e partiamo alla volta di Lodi tutto sommato riposati e con una bella provvista di barrette e zuccheri per la giornata che si prevede intensa sia dal punto di vista fisico che mentale.

013

Andremo infatti ad affrontare 163km di strada quasi tutta sterrata, a partire da Lodi, risalendo le alzaie dell’Adda e su fino a Lecco per fare il giro del lago di Garlate e poi giù in picchiata di nuovo fino a Lodi, con l’ultimo tratto che costeggia il canale Muzza.

Lo scorso anno mi ha conquistato questo percorso e lo spirito con cui 40 ciclisti ognuno a suo modo hanno interpretato la gara. Andrea è alla sua prima esperienza in una gravel ed è super entusiasta gambe comprese che vengono da un’esaltante avventura per l’intero percorso del giro delle Fiandre,  quindi sarà un osso duro per tutti quelli che hanno ambizione a “fare la corsa”.

014

Al ritrovo noto subito tante facce amiche alcune delle quali non vedo proprio dalla scorsa edizione… ma soprattutto siamo tanti, tantissimi di più! L’organizzatore mi confermerà poi addirittura di 115 partecipanti che è davvero tantissimo e segnalano la vera esplosione sia di questa gara sia del fenomeno “gravel race” in generale in quanto capace di avvicinare tanti appassionati dato che il tipo di bici quasi non conta. Questo è anche uno degli aspetti unici della gravel: alla partenza c’è di tutto, la maggioranza sono bici da ciclocross con i rapporti, ma è un fiorire di singlespeed, mtb sia da 29” che a 26”, bici da viaggio, vecchie bici da corsa con gommature generose e addirittura anche una bici da pista a scattofisso che si rivelerà una delle sorprese della giornata.

Partiamo abbastanza puntuali ed i primi chilometri sono piacevoli e sereni: siamo all’inizio di una avventura e si respira nell’aria la voglia di stare bene e di divertirsi pedalando. Dopo pochi chilometri già il paesaggio è del tutto agreste, con il fiume placido alla nostra sinistra e gradualmente ma inesorabilmente il gruppo che inizia ad allungarsi in fila indiana, sia per percorrere al meglio la stradina sterrata, sia per il fatto che l’andatura si sta alzando decisamente in anticipo rispetto allo scorso anno. Ma ogni gara è una storia scritta in un differente capitolo dello stesso libro del ciclismo  e quindi inutile lamentarsi o recriminare, testa bassa e anche io mi dirigo quanto più possibile verso la testa del gruppo.

016

Ritmo alto, ma sostenibile e sento sassi e polvere della strada scorrere via veloci sotto le mi e ruote: una bella sensazione, come se risalissimo l’acqua del fiume al nostro fianco invece di spingere sui pedali delle nostre bici. Al momento tutto mi pare leggero, l’attenzione la riservo tutta per guidare al meglio, le gambe invece fanno il loro lavoro come se avessi inserito il pilota automatico.

017

Cambia il paesaggio. Dopo la classica incursione all’interno della stazione di Cassano d’Adda, dove mi resterà impressa la sinfonia di ticchettii delle scarpe da ciclismo all’interno del sottopasso sotto gli sguardi stupidi dei passanti, siamo ora nella gola del fiume. Questa è la parte più emozionante del percorso, tra chiuse leonardesche e centrali idroelettriche dei primi del ‘900 attraversiamo paesaggi incantevoli, incorniciati anche da ponti in ferro dell’epoca d’oro delle costruzioni, che ci sovrastano con la loro maestosità, come archi di passaggio verso terre da esplorare.

ll8

I chilometri passano veloci, tutti riusciamo comunque ad alimentarci bene e a incamerare la nostra benzina a forma di zuccheri. Facciamo una prima sosta per riempir le borracce e svuotare le vesciche.  Un altro aspetto insuperabile delle “nostre” garette è che in questi frangenti a nessuno passa nemmeno per la testa di provare a scattare o allungare su chi si è fermato, non avrebbe senso, non sarebbe etico e rispettoso del ciclismo stesso e questo nobilita ancora di più quello che siamo qui oggi a fare con spirito cavalleresco e di amicizia, dove competizione non fa rima con sopraffazione.

Mi balza in mente un pensiero: “cavoli, ma siamo già al giro di boa?!”. In effetti l’andata è volata via ed il ritorno promette emozioni ancora maggiori dato che tecnicamente saremo in leggera discesa e sicuramente qualcuno si inventerà qualcosa per animare la gara. Siamo ora un plotoncino di 11 corridori, piuttosto omogenei e conosco praticamente tutti. Mi sento al sicuro in un certo senso.

Arriviamo a superare il centesimo chilometro. Già di per se questa distanza è un simbolo: fare centomila metri tutti in fila in sella non è cosa banale, su queste strade ed a questa andatura ancora meno. Ma ora mente e corpo sono settati (lo so che è una brutta parola, perdonatemela) sulle 100 … miglia… quindi gioco un po’ di rimessa, cerco di stare il più possibile a ruota ed a tratti di godermi anche un po’ la pedalata che rimane bella da togliere il fiato.

11

Nemmeno il tempo di elaborare tutto questo che accade l’episodio clou della giornata. Con una eleganza che da sempre gli appartiene il buon Jacopo del team Legor si alza sui pedali ed esce a palla di cannone dal gruppo. Primo pensiero (di molti, me compreso): “dai, è uno scherzo, ora si volta e vede se ridiamo o meno e poi si prosegue così, insieme”. Nient’affatto. Questa è una di quelle azioni che farebbe saltare sui divani gli appassionati se fosse una gara pro tour. La testa, le gambe e la follia di provare una fuga a sessanta chilometri dal traguardo e un qualcosa che letteralmente annichilisce il nostro gruppo. Dopo qualche istante di esitazione che a me pare eterno vedo Andrea lanciarsi all’inseguimento, con lo stile che gli è proprio: niente scatto secco ma una progressione micidiale da seduto in sella, in un attimo prende distanza dal gruppo e via via accelera ancora fino a candidarsi come primo inseguitore. A questo punto, con un abile ma leale gioco di squadra,  Marcello (il Lolly) si mette davanti ai restanti e fa ragionevolmente calare l’andatura, permettendo la creazione di un buon margine di terreno per i primi due. Ci guardiamo tra noi: dobbiam decidere il da farsi. Siamo in bilico tra il restare passivi o rischiare lanciandoci all’inseguimento; potrebbe andare bene come male, stiamo tirando i dadi della corsa. Ci pensa proprio il buon Marcello a scacciare i pensieri per passare all’azione. Parte anche lui, pedalata fluida e potente. La mia posizione è congeniale, non dò retta alla mia parte razionale e mi lancio al suo inseguimento tentando il tutto per tutto. Non mi volto, spremo le mie energie per portarmi il più possibile alla sua ruota. Ma Marcello è più forte, porta la sua bici (una slpendida Legor, che di fatto vuol dire lepre…) ad accarezzare leggera e veloce quelle che dovrebbero essere stradine fatte per passeggiarci. Rimane avanti a me di qualcosa come trenta metri, ma pian piano questo gap aumenta, mentre diminuisce il suo su Andrea e Jacopo.

019

Sono rimasto da solo. Anzi no. Arriva a darmi manforte, reale e psicologica, un ragazzo che per ora non conosco, su di una Cinelli Zydeco che sembra avere una condizione ed una lucidità migliore della mia al momento. Basta un’occhiata per capire che collaboreremo, ognuno per la sua parte. Ora l’obiettivo è provare a rientrare sui primi tre. Ce la metto tutta, ma dopo interminabili minuti a tutto gas le mie gambe gridano alla parte irrazionale del mio cervello di darmi una calmata, ora! Il classico “shut up legs!” mi funziona non troppo bene e devo per forza calare il ritmo. Mi si para di fronte il monolite dei –50km all’arrivo, sono tantissimi cinquanta chilometri, ora si deve giocoforza passare al piano B: arrivare interi al traguardo. Mentre ragioniamo di questo sbuca come dal nulla il mio amico Paolo, il più pazzo dell’intero parco ciclistico di oggi. Lui oggi corre con la stessa bici che usa quando ci sfidiamo nelle criterium a scatto fisso: ha una bici da pista, scatto fisso, freno anteriore e gomme da 28mm stradali. Un pazzo, attitudine fantastica con un unico credo: “l’importante è pedalare forte!”.

026

Ora che siamo un trio mi sento molto meglio, ho la sensazione che tutto filerà liscio ed arriveremo a Lodi nel migliore dei modi. Nonostante i nostri GPS facciano un lavoro egregio e determinante, ogni tanto incappiamo in qualche piccolo errore di percorso, ma ci aspettiamo, collaboriamo, ormai più con le parole che con le scie dato che l’andatura è sensibilmente calata. Ma la mente sta meglio del corpo è questa è da annoverare comunque tra le notizie positive.

L’ultima crisi mi colpisce duro ai meno venti dalla fine, dove lo sterrato è il più difficile, molto sassoso, pieno di buche e non concede nemmeno una tregua per poter bere dalla borraccia. Passo il mio momento peggiore, ogni minima variazione del ritmo dei miei due compagni mi fa sentire al limite come un elastico teso, pronto a saltare da un momento all’altro. L’unica cosa da fare è stringere i denti e far comandare la testa, in qualche modo il resto mi ubbidirà.

027

Cerco di concentrarmi sulla bellezza del canale Muzza e non pensare a quanto mi senta allo stremo delle forze. Finalmente l’agonia finisce ed arriviamo al tratto in asfalto che attraversa Paullo, quell’asfalto mi pare liscio come il velluto e mi godo il riposo di braccia e mani, nel frattempo Paolo con la sua fissa balza avanti a tirare con la sicurezza del suo navigatore che ci traccia la rotta, mi riprendo un po’. La ripresa definitiva accade quando leggo 9.5km all’arrivo: vedere quel numero ad una sola cifra ha un effetto migliore dell’ultimo gel di zuccheri che ho appena trangugiato. Riprendo coraggio e fiducia nelle mie possibilità, le gambe sembrano aver captato  i miei pensieri e oso anche fare l’andatura per qualche tratto. A Casolta abbandoniamo definitivamente la vicinanza delle vie d’acqua che ci hanno tenuto compagnia per l’intera giornata, entriamo nell’ultimo tratto che è un divertente singletrack tutto da guidare in presa alta che sembra quasi di essere in sella ad una mtb.

Lodi2015

E’ fatta, ci guardiamo negli occhi in tre e conveniamo che non abbia senso fare la volata per il quarto posto, sapremo poi che anche i primi tre non hanno sprintato e va più che bene così. Il valore di ciascuno dei corridori nelle nostre gare si misura per tutto l’arco della corsa e non in base ad un elenco stampato su di un foglio A4, probabilmente una delle magie della Lodi Lecco Lodi è anche questa, applaudire tutti quelli che tornano sorridenti alla cascina dove erano partiti al mattino per questa splendida avventura. Al prossimo anno!

028

4 commenti

Archiviato in bici

4 risposte a “La #gravel race più bella e faticosa dell’anno rinnova la sua magia: #LodiLeccoLodi 2015

  1. Bellissimo racconto e grazie mille della compagnia! ci si alle prossime gare!
    Mauro (Cinelli Zydeco)

  2. Pingback: Verso la bici totale, prova sulla lunga distanza della Trek Domane 6.2 disc | riky76omnium

  3. Pingback: LodiLeccoLodi… come è andata? | Gravel Races Italy

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...