Archivi tag: pavè

un mese di avventure pedalate in compagnia di una dama bianca: la Trek Domane 6.2 disc. “I’m an ambassador, dudes!”

E’ proprio vero che quando fai le cose per pura passione, senza aspettarti nulla in cambio, ti accadono le migliori cose possibili. Così è con questo blog, nato come valvola di sfogo per far fronte ad una mia intima esigenza di scrivere, raccontare e condividere le cose che mi fanno stare bene. Proprio grazie (anche) a questo spazio web che arriva tanto inaspettata quanto entusiasmante proposta di diventare “ambassador” per una grandissima casa come Trek, ma andiamo con ordine.

 

Nel mio costante disordine, reale e mentale, mi ritrovo con cinque indirizzi email a mio nome: troppi, lo so. Di conseguenza vi lascio immaginare la mole spropositata di spam che mi arriva quotidianamente. Ho vinto viaggi, crociere, migliaia di dollaroni da consoli africani vari, casse di viagra e via di seguito. Poi “in un pigro martedì pomeriggio” (cit.)  mi arriva una mail all’apparenza come tante. E invece no.

logo_trek

Anche se l’inizio è classico: “ciao riccardo, sono J dell’agenzia K e ti abbiamo selezionato perchè il tuo profilo risponde alla nostra filosofia….ecc…ecc.” ma c’è quel finale che, a mia memoria, non avevo mai letto; messo lì senza dargli un peso ed invece è quello che gira la frittata… Tanto semplice quanto perfetto con il suo: “E no, non è una  mail di spam Occhiolino” C’era anche la faccina… ed invitava non a cliccare su di un link, ma a rispondere alla mail stessa per parlare e confrontarsi su questa proposta. Ok, allora è tutto vero!

Di fatto poi nei giorni successivi si instaura anche un bel dialogo vero e proprio e realizzo ancora di più la felicità e l’onore di essere stato scelto non per una estrazione a sorte, ma per quella che è la mia visione del ciclismo e per l’urgenza che ne ho di raccontarla e di trasmetterla a chi ha la pazienza di leggere.

In sostanza, il mio ruolo mi concede il  privilegio di avere in prova per quasi un mese intero una bici Trek di alta gamma e di poter partecipare alla Granfondo stradebianche che si terrà l’8 di marzo con partenza da Siena e ricalcando in parte quelle strade da sogno che già ben conosco dalle frequentazioni con l’Eroica.

L’arrivo della bici già di per se è stato un piccolo evento. Un pacco enorme (evidentemente) recapitatomi direttamente in ufficio, con sommo stupore dei colleghi e con dentro una bici davvero spettacolare, nuova nel senso letterale del termine. Ha una quantità enorme di piccole e grandi soluzioni (per me) inedite e sicuramente innovative, volta a candidarsi in tutto e per tutto a “bici totale” adatta sia a novizi che ad esperti.

DOMANE

La bici è la Trek Domane 6.2 disc. Già il nome ne dice molto per chi conosce la gamma dei modelli della casa. E’ il mezzo nato per le lunghe e lunghissime percorrenze, adatto alle gran fondo ma soprattutto un modello nato e sviluppato per gli inferni del nord ovvero le classiche del pavè.

domane_fabio2

Questo non fa altro che mettermi addosso ancora più curiosità per una bicicletta curata nei minimi dettagli e che si propone di tener compagnia al suo utilizzatore in ogni condizione atmosferica e di fondo stradale. Su questa linea di principio si colloca anche una piccola chicca aggiuntiva, il supporto a scomparsa per i parafanghi, veramente utile e ben ingegnerizzato. Misurando con il calibro ho poi anche verificato che si possono installare degli pneumatici fino a 30-32mm ed ho giusto pronti un paio di cx-pro tassellati da 30 che saranno certamente montati per una serie di prove per quella che potrebbe diventare una “killer bike” delle gravel, questa nuova formula di gara che mi appassiona moltissimo e che già mi ha dato un sacco di emozioni.

pave

Per ora è tutto, ho già preso un primo contatto ovviamente con la bici e mi sto iniziando a fare un’idea abbastanza precisa. Il resto nelle prossime puntate.

Annunci

6 commenti

Archiviato in bici

Scarpe da #ciclismo #urbano: @DZRShoes vs. @ChromeBagsSF

Dopo un po’ d’uso intenso mi sento abbastanza sicuro nello sbilanciarmi e tentare una comparativa chrome – dzr, spero di far cosa utile…

Pedalare in città è conveniente, si arriva a lavoro prima, più contenti ed all’uscita dalle inumane 8 ore è un attimo fare una capatina in centro, legare la bici di fronte al bar per una veloce birretta con un amico (impensabile farlo in auto). Se poi uno fa del ciclismo il proprio sport ecco che entrare in contatto con i pedali a sgancio rapido è una di quelle rivoluzioni copernicane che è anacronistico pensare di poterne fare a meno…ecco che proprio per noi una serie di aziende ha pensato di proporre delle scarpe “portabili” tutto il giorno, ufficio compreso, le quali siano anche predisposte e pensate per poter pedalare con i pedali da mountain bike (impensabili quelli da  strada, ma questo voi già lo sapete. Ecco allora la comparativa tra questi due “best seller”;

più in particolare le dzr ovis:

DZR Ovis urban spd shoe

e le chrome kursk:

Chrome Kurks pro – red sole

stesse condizioni d’uso, stessa bici, stesso pedale, il candy di crank brothers

candy3

 

Per comodità  di lettura divido nei due principali argomenti: 

Camminata e “giù dalla bici” in genere

Trovo le dzr decisamente più morbide e piacevoli da indossare, la pelle (o quello che è) della tomaia è davvero ottima, e benchè non siano un modello espressamente waterproof se la cavano bene anche nelle giornate piovose (senza esagerare). La tacchetta nella dzr è un filo più dentro, quindi tocca un po’ meno. Anche con le chrome non tocco, ma considerate che ho la tacchetta in ottone della crank che è leggermente più sottile della classica spd shimano.

La chrome un po’ più legnose nella camminata ed essendo anche basse noto qualche leggero sfilamento del piede dal tallone, questo indipendentemente da quando strette io le possa allacciare, non c’è verso, scappano un po’. Anche la tomaia benché telata (ed il vero test saranno i 30°C quest’estate) la trovo più rigida mentre le dzr vestono meglio il piede, dopo 9-10 ore con le scarpe addosso le dzr sembrano un po’ più accomodanti.

C’è da dire poi che i lacci delle dzr son molto molto lunghi. L’unico modo che ho trovato per gestirli dignitosamente è quello di fargli fare un giro attorno alla caviglia e poi legarli; con doppio nodo alla scarpa destra (meglio evitare rischi che entrino in contatto con catena e corona…). Hanno anche il classico elastico sulla linguetta per fissare i lacci una volta legati, ma senza il giro sulla caviglia son comunque ingestibili e con il giro fatto non arrivano al laccetto. Nelle chrome il laccetto funziona alla perfezione ed i lacci sono di lunghezza ideale e di buona tenuta. Resta pure vero che i lacci volendo si cambiano e si trovano quelli più consoni.

 

Aggancio e pedalata.

Qui la situazione un po’ si inverte, ma alla fine nemmeno troppo, ora vi racconto meglio.

Stante che, come precisato all’inizio, la prova è con stessa bici e (soprattutto) stessi pedali, una delle cose importanti è la velocità e confidenza nel agganciare (stante che no, non ho mai imparato come si deve a fare surplace e questo fa di me un ciclista “peggio”..). Bene, con le dzr lo si fa proprio ad occhi chiusi, c’è una maggiore sensibilità nel mettere il piede sul pedale e far scattare la molla del sistema di aggancio, viene proprio istintivo ed automatico mentre per le chrome qualche volta tocca ripetere o correggere il tiro.

Nella pedalata però le chrome sono fantastiche, quello sfilamento del tallone di cui parlavo nella camminata svanisce completamente (e non lo pensavo). La scarpa è un perfetto tutt’uno con il pedale e si avverte proprio una buona spinta, con tutta la suola che lavora assecondando il piede, davvero un gran feeling, a volte mi tocca controllare giù per vedere che non abbia messo per errore le scarpe da mtb e non quelle per la città, qui il voto è proprio 10 e lode, considerando anche qualche accelerazione tanto per divertirsi un po’ a sorpassare le macchine. Chiariamo comunque che le dzr non vanno certo male, anzi, avendole avute per prime (ormai da più di un anno) sono state una vera e propria rivelazione dopo anni di piedi nelle gabbiette. Il controllo è comunque buono ed ottima la sicurezza anche in fase di rallentamento/skid (ma al giorno d’oggi si skidda ancora?), quindi promuovo anche loro benchè in questo frangente siano lievemente sotto le chrome. Soprattutto si evidenzia in giri più lunghi dove dopo oltre un ora a spinger sui pedali la maggiore deformabilità di suola mostra il fianco ed il piede ne soffre un po’. Per concludere direi che con le dzr non ci correrei un alleycat (e infatti non l’ho mai fatto) mentre magari potrei tentarla con le chrome, in luogo delle mie solite scarpette da mtb che uso in quelle garette (sono delle vecchie axo, ma ormai in anni han preso la forma esatta del mio piede!).

Cosa comprare? Beh, dopo quello che avete letto la scelta sta a voi e spero vi sia tutto un po’ più chiaro. Di mio aggiungo che in entrambe i casi, l’avere una scarpa con l’attacco rapido il luogo delle classiche e diffusissime gabbiette (per lo meno in ambito dello scatto fisso), rende la pedalata in città estremamente più redditizia (vi stancate meno) e soprattutto più sicura (ad esempio sui tratti in pavè l’avere i piedi veramente ben agganciati ti fa sentire più sicuro e andar ben più veloce e questa dritta me l’hanno passata proprio gli omini verde/nero che solcano tutti i giorni il pavè meneghino!)

 

(un soldino a chi indovina chi è il famoso personaggio qui sopra che sta pedalando su di una “celebre” bici a scatto fisso…)

Buone pedalate!

11 commenti

Archiviato in bici

paris – roubaix

domenica ci sarà la classica delle classiche….la più dura gara del mondo che si svolga in pianura, il perchè è presto detto qui sotto:

Quest’anni ci va bene che su RAIsport 2 la trasmettono già a partire dalle 12:50, con replica notturna http://www.rai.it/dl/portale/GuidaProgrammi.html

Da possessore di una gloriosa GIOS mi vengno in mente i trionfi dello zingaro de Vlaemick, così come in epoca recente le fughe del Ballero e della locomotiva Cancellara

beh, buona visione

Acceso ora la tv, ed è subito chiaro che per Boonen sarà molto dura riportarsi davanti….fuori uno!

Lascia un commento

Archiviato in bici