Lottare, e vincere, contro (se stessi), 138km di vento e un oceano di colline bianche…

Era alcuni anni che non partecipavo a delle granfondo, vuoi per l’ambiente non tra i più accoglienti nel campo ciclistico, vuoi per l’impegno in termini di ore fuori casa e trasferte… grazie all’avventura con Trek, invece, la ripartenza è stata oltre le mie più rosee aspettative!

039

Dopo un viaggio che per fortuna si è svolto a tappe e per fortuna anche in buona compagnia, per una volta mi trovo di fronte al morbido profilo delle colline senesi che l’aria non odora di inizio autunno ma di fine inverno. Infatti questa volta di eroico ci saranno solo le strade bianche ma non tutto il contorno di acciaio, tubolari Clèment, scarpette in cuoio e magliette in lana. Questa volta sono qui per un qualcosa che pur rimanendo ciclismo è totalmente diverso e, per me, fortunatamente nuovo.

IMG_0234 copy

Il sabato farò lo spettatore ammirando i migliori corridori al mondo cimentarsi nella strade bianche pro,  a seguire la domenica sarà la mia volta, su di un percorso più corto (circa 140km al posto dei loro 200) ma non per questo meno duro, selettivo, affascinante ed evocativo.

Compagna di viaggio al nostro ultimo appuntamento è la Trek in declinazione Domane 6.2 disc che mi ha tenuto compagna per quasi un intero mese dove ho avuto modo di conoscerne tutti i suoi lati, anche i più nascosti, ma queste è un’altra storia (o il prossimo articolo, se più vi piace). Per una serie di scelte fatte in precedenza ho montato la bici con dei pedali da mtb, in previsione di dover magari camminare sullo sterrato (la mia condizione fisica è ancora molto lontana dal potersi dire accettabile) ma come conseguenza posso muovermi un ina città bomboniera come Siena in tutta libertà all’interno della cerchia delle mura. Quindi, jeans, giubbotto, casco (sempre),  scarpe Chrome mille usi e via, si va a vedere l’arrivo della gara dei pro!

043

Erano più di vent’anni che non entravo in piazza del Campo e la sensazione di ricadere nella magia del rinascimento italiano è fortissima, devo solo fare un po’ di astrazione ed immaginarmi che non ci siano le comitive di turisti russi e giapponesi e nemmeno quel portale di fronte a palazzo della signoria, anche se per la verità è proprio per quel portale che oggi sono qui. Sono in anticipo e la voglia di esplorare e pedalare è troppa per lasciarmi davanti al maxischermo che inizia a trasmettere le prime immagini della corsa. Mi lascio allora trasportare dalla curiosità e vago per le strade selciate tutte in sali-scendi della città. Scorci ed angoli strepitosi si susseguono uno dopo l’altro, poi dopo un paio di discese mi trovo ad incrociare proprio il percorso della gara di oggi e la tentazione di percorrere il “loro” ultimo chilometro è troppo forte per potergli resistere! Dopo poche pedalate mi trovo di fronte ad un muro devastante, il tratto più tosto sulla carta è “solo” 300 metri ma ad una pendenza poco al di sotto del 20%. Arranco e mi aggrappo al manubrio, devo usare tutto il corpo per far girare le ruote. Sotto gli sguardi anche un po’ incuriositi di qualche turista arrivo in punta e da lì solo un paio di svolte per arrivare sul traguardo. In cima a quella salita io boccheggio ma so già che sarà, come gli anni passati, quella la chiave di volta dell’intera gara ed ho i brividi a pensare ad un corridore con la forza di poter scattare su di una rampa simile dopo duecento chilometri di gara. Dopo poco mi raggiungono in piazza i miei compagni di avventura in questo weekend: Luca ed Emiliano, due (tri)atleti con cui dividerò gioie dolori ed emozioni di essere in questa terra magnifica per pedalare. Ci appostiamo per l’arrivo con vista sia della linea del traguardo sia del maxischermo… Alla fine non sbagliavo troppo la previsione, uno scatto a tutta di Van Avermaet con Stybar che tiene comunque il passo e si riserva quel guizzo in più e quell’abilità a svicolare tra le transenne che solo un ex campione del mondo di ciclocross ha nel DNA e va a vincere! Seguono un incolore (per me) Valverde ed un caparbio Diego Rosa che ha saputo muoversi benissimo sugli sterrati essendo un’anima da ruota grassa!

La festa e l’emozione per un arrivo così entusiasmante ed incerto lasciano ora spazio alla preparazione della nostra piccola grande impresa. Ci dirigiamo al ritiro dei pettorali, e trovo subito una graditissima sorpresa. Chi mi conosce sa bene che il mio numero portafortuna è il 3… ecco qui me ne trovo addirittura due da cucire addosso. Il mio numero di gara per domani sarà il 303, auspicio migliore non potevo avere. Poi dopo cena ancora gli ultimi gesti di rito: le ultime regolazioni alla bici, una passata per tutta l’estensione dei copertoncini per cercare eventuali tagli che potrebbero compromettere la gara, ed infine quelle quattro spille da balia pronte ad appuntare il numero sulla schiena. E’ la prima volta quest’anno che compio questo gesto antico come il ciclismo stesso ed ancora non so dove mi porterà questa stagione di gare.

037

La sveglia ha bisogno di pochissimi trilli, in un attimo sono nel cortile dell’hotel, pronto. La colazione è quella classica da albergo ma cerco di incamerare quanti più zuccheri possibile. Partiamo da lì direttamente in bici, tagliano a metà per il centro cittadino sino al luogo della partenza. La griglia che ci hanno riservato come ospiti è molto davanti, il che è un po’ un’arma a doppio taglio: facile seguire le ruote buone ma difficile gestire tutti i cavalli di razza che sopraggiungeranno alle nostre spalle. In questo mi arrogo un piccolo vantaggio, ho confidenza con le gare fianco a fianco ad altri ciclisti, mentre i miei due soci ad bravi triatleti solitamente spingono sui pedali in assoluta solitudine, la loro bagarre è solo nella fase di nuoto solitamente!

041

Compare anche il grande Fabian “spartacus” Cancellara e darci un saluto e qualche consiglio, poi 3, 2, 1 via! Avevano detto che i primi 5km sarebbero stati ad andatura controllata, ma non avevano specificato quale, dopo i primi istanti lancio un’occhiata al Garmin e leggo 54 orari, benissimo, si parte senza riserve e così sarà per tutta la gara: dare il massimo sapendo di dover gestire una corsa di almeno 5 ore sulla sella.

lasciato l’abitato di Siena una cosa prende sopravvento (parola non casuale) sul mio gruppo, un vento forte, laterale o di tre/quarti anteriore, a folate continue e nemmeno tanto caldo. Sarà il compagno di tutti i corridori fino all’arrivo ed è una bella gatta da pelare… a condire la situazione, perchè la legge di murphy non sbaglia mai, dopo poco mi ritrovo anche da solo a sfidare gli elementi. Ma per fortuna arriva uno dei motivi per cui sono qui: il primo tratto di strada bianca! Come già sapevo, anche con una bici molto diversa dalla mia acciaiona con il fiore, queste strade mi fanno tornare bambino. Non mi accorgo e sto spingendo sui pedali a tutta, sento la bici letteralmente galleggiare sulle asperità e sul  brecciolino, la simbiosi è perfetta e non fosse per l’energia spesa dalle mie gambe quasi che ho la sensazione di sentirmi su di una moto da enduro… strepitoso! Inizio a vedere anche le classiche scene a bordo strada di un buon numero di forature… un po’ ancora mi stupisco, io alla fine con oggi sono cinque volte che percorro queste strade senza risparmiarmi ed ho sempre riportato a casa le camere/tubolari di scorta, meglio così: è anche importante capire dove mettere le ruote e scegliere con attenzione la pressione di gonfiaggio.

040

La strada scivola comunque veloce ed è sempre bello poter scambiare qualche battuta con gli sconosciuti compagni di corsa, è un po’ come agli esami universitari dove nell’attesa di sedersi al tavolo del professore e ci si scambia quelle battute magari banali ma che fanno sentire dannatamente meglio, una condivisione necessaria non tanto per le informazioni scambiate quanto per l’empatia che si viene a creare.

Mi fermo a tutti i ristori, trovando volontari davvero gentili e (novità) con la voglia di scherzare! Non ho fretta e mi prendo qualche minuto, soprattutto per fare il pieno di sali alla borraccia perchè so che prima o poi i crampi arriveranno ed è opportuno farsi trovare preparati. I tratti di salita li trovo sempre via via più impegnativi. Non ho una condizione per una gara del genere, ne ero consapevole, ma come dice un mio amico del mestiere: “nel nostro ciclismo l’importante è darsi obiettivi nettamente al di spora delle proprie possibilità.” e vi assicuro che la cosa funziona alla grande. Con queste parole nella testa le colline volano via una ad una, ognuna con la sua caratteristica sia nella salita che nella loro discesa. A tre quarti di gara mi raggiunge un bel gruppetto, saranno una decina circa e riesco a tenere il loro passo sentendomi al sicuro, discese comprese dove finalmente riesco anche a trovare il 100% di feeling con la mia Domane e a gestire al meglio la ottima modulabilità dei dischi freno.

Passati i 110km di strada inizio davvero a sentirmi in riserva, come si suol dire sulle peggiori rampe ora ho solo più la compagnia dell’uomo col martello che arriva implacabile portando con se anche i primi crampi. Non mollo, anche se qualche passo a piedi sono costretto a farlo. Poco male,  ho anche le scarpe da mtb che mi fanno camminare benissimo sullo sterrato, quindi la prendo quasi come un’attività di scarico dalla pedalata.

034

Inizio a vedere le costruzioni di Siena, sono ancora in basso ma annuso l’aria del traguardo e questo porta nuova linfa nelle mie gambe, i crampi se ne stanno buoni e gli ultimi chilometri, di nuovo in solitaria, passano via veloci. Arrivo alla svolta chiave che mi fa entrare sul selciato cittadino dell’ultimo chilometro.

031

Come sempre, come al solito passa tutto: stanchezza, intorpidimento del fisico per le cinque ore e mezza in sella, via, ci sono solo io che spremo e zittisco le gambe per arrivare in piazza del Campo che dopo l’ultima svolta mi si para di fronte, in leggera discesa ed eccomi, posso anche concedermi di chiudere gli occhi un istante e sentirmi a mio modo vincitore dell’ennesima sfida con me stesso.

Taglio il traguardo in una delle piazze più bella del mondo e questa emozione so già che non se ne andrà tanto presto dalla mia mente, anzi sedimenterà per creare un altro di quei ricordi indelebili che solo la mia ingestibile passione per il ciclismo sa regalarmi. Fino alla prossima volta.

029

4 commenti

Archiviato in bici

4 risposte a “Lottare, e vincere, contro (se stessi), 138km di vento e un oceano di colline bianche…

  1. Ingestibile passione…è la parola giusta 🙂 Felice di aver condiviso il viaggio verso questa avventura!!

  2. Pingback: Verso la bici totale, prova sulla lunga distanza della Trek Domane 6.2 disc | riky76omnium

  3. Pingback: perchè un #blog non bastava, nuova avventura per @endusoport – mySDAM #ciclismi | riky76omnium

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...